Chat Marketing: guida a WhatsApp per far crescere l’impresa

Chat Marketing: guida a WhatsApp

Chat Marketing: guida a WhatsApp per far crescere l’impresa

Nel primo dei nostri “Aperiweb“, dove facciamo networking e formazione in un clima di relax, qui da noi, è emerso il grande tema che affascina, incuriosisce e sconvolge la vita privata, il lavoro, l’impresa: il chat marketing. Nomi strani, sempre in inglese. Non si capisce cosa vogliono dire. Ancora più difficile è comprendere a cosa servono: Snapchat, Periscope, Telegram? Sono loro i nuovi protagonisti della nuova generazione di social media. Ok, ma cosa ci facciamo? Tradotto in domanda intelligente: come si possono usare per far crescere l’impresa?

CON WHATSAPP, LA COMUNICAZIONE DIVENTA PIU’ PERSONALE E PIU’ VELOCE, ANCHE PER L’IMPRESA

L’aspetto più incredibile è che noi – non solo come DPsonline, ma noi come imprese, commercianti, liberi professionisti – abbiamo già capito la cosa più essenziale. Tutti questi “social” servono ad un solo scopo. Comunicare. Coi clienti, coi colleghi, coi fornitori, con nuovi contatti, con i media, con gruppi/fasce/aree sociali ad ampio raggio. Servono a dire qualcosa a qualcuno. Niente di nuovo, quindi.

E’ solo che ci siamo abituati a decenni di comunicazione “di massa” dove contava una sola cosa – che non era il messaggio. Era il media. Bastava la televisione, il giornale, la radio, lo striscione, per far crescere l’impresa. Una bella frase ad effetto, ed il gioco era fatto. Era un pò come la reazione detta “dei cani di Pavlov”, basata su un celebre esperimento: ogni volta che un cane sentiva il suono di una campanella, si era abituato ad aspettare da lì a poco l’arrivo di una ciotola di cibo. Ogni volta che veniva fatta suonare la campanella, ecco che quel cane iniziava a salivare e a comportarsi come se l’arrivo del cibo fosse una certezza assoluta. La pubblicità di una volta non era diversa.

Oggi non parliamo più ai cani. Parliamo a persone, che cercano qualità, risparmio, divertimento, assistenza. Nei fatti, cioè nei prodotti così come sono. Non soltanto nelle belle parole di uno slogan pubblicitario. Quando stai parlando con qualcuno che conosci, in carne ed ossa, e stai provando a coinvolgerlo nel tuo business, ci vuole un buon argomento. Per fare chat marketing, serve solo qualcosa da dire. Nessun effetto speciale.

CHAT MARKETING: IL MARKETING SI FA CON CHIACCHIERANDO

Ecco allora che arrivano WhatsApp, Telegram, Snapchat, Periscope ! Nel nostro Aperiweb ci siamo concentrati su un punto fondamentale: i nuovi social network sono “chat”: cioè si usano per inviare e ricevere brevissimi messaggi da un utente all’altro. Sono i “nipotini” degli sms dei cellulari di una volta. Solo che ora contengono grafica, messaggi vocali, link per aprire un sito su internet, le “faccine” per esprimere uno stato d’animo. Sono più colorati, divertenti e per usarli basta uno smartphone. Ah! Ovviamente sono gratuiti. Basta avere un collegamento ad internet e una Sim nello smartphone con traffico dati. Non ci sono barriere d’accesso al chat marketing (qui un nostro precedente articolo di presentazione più generale).

Ecco qualche fatto molto curioso per capire WhatsApp e quanto siano grossi, potenti e diffusi questi nuovi social network:

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

GRUPPO O LISTA? SCEGLI E INIZI A FARE IL TUO CHAT MARKETING

Quindi? Come va fatta questa comunicazione, ad esempio su WhatsApp? Ci sono 2 semplici possibilità:

1. Creare un “Gruppo“, per comunicare con una lista di contatti allo stesso livello, dove tutti i membri del Gruppo vedono i messaggi di tutti

2. Creare una “Lista di Broadcast”, per comunicare da uno a molti (una Lista di contatti) e dove ogni membro della Lista non vede gli altri membri e non legge i loro messaggi. In pratica, è come una newsletter. Tu invii i tuoi messaggi ad una lista di email e ogni destinatario può risponderti direttamente, ma soltanto a te, senza scrivere anche a tutti gli altri.

In entrambi i casi, è facile: basta aggiungere al Gruppo o alla Lista i contatti, cioè i numeri di telefono, presenti sulla rubrica del telefono usato con WhatsApp. Fine. Cioè, si parte!

Unico limite: in entrambe le possibilità, Gruppo o Lista, il numero massimo di contatti da inserire è 256.

In entrambe le possibilità, è un modo facile, diretto e veloce per comunicare in modo personale con un insieme di contatti importanti – qualunque essi siano. Non c’è la formalità dell’email, non c’è la sua distanza spazio-tempo (ti scrivo oggi pomeriggio, tu la ricevi domani mattina e rispondi domani sera quando io ricevo dopo domani…). Con il chat marketing è tutto più veloce e personale, perché non c’è bisogno di rispettare le formule rigide della comunicazione formale. Ci sono le “faccine”, le abbreviazioni… conta cosa dici, cioè il messaggio e il suo valore. Conta meno come lo dici.

Vuoi scoprire anche tu come usare WhatsApp per far crescere la tua impresa? Scrivici qui oppure compila lo spazio qui sotto e saremo pronti a lavorare al tuo fianco per trovare la soluzione migliore, a livello di comunicazione e organizzazione.


SCRIVICI

Ho preso visione della Privacy Policy e presto il consenso al trattamento dei dati.



ut felis mi, id in diam justo non ut id,