Italia-Svezia: i social e la verità inconfessabile

Italia-Svezia social media

Italia-Svezia: i social e la verità inconfessabile

Sì, dpsonline* ha seguito in diretta sui social, essenzialmente su Twitter, il social più “battagliero”, aggiornato e veloce, la partita di Euro 2016 tra Italia-Svezia. Abbiamo organizzato, in meno di 24 ore, una nostra “social-tribuna” per vedere cosa succede nel mondo social durante un grande evento. La verità? Eccola.

ITALIA SVEZIA: COSA E’ SUCCESSO

Su Twitter abbiamo seguito due hashtag in particolare: #italiasvezia e #raidireeuropei. Il primo è l’hashtag “ufficiale”, quello più gettonato perchè a diretto contatto con l’evento; il secondo era quello più specifico, perchè “Rai Dire Europei” è la trasmissione tv della Gialappa’s Band. I commenti ironici e spericolati della Gialappa’s sulla partita sono stati la coppia perfetta. Per cosa? Per fare spettacolo. Almeno sui social. Perchè, a dire la verità, in campo lo spettacolo è durato nemmeno 2 minuti su 90. Il goal di Eder e qualche sussulto improvviso ma sterile. Il resto è stato un colorato e divertentissimo spettacolo social.

Cosa sono i social in un evento così? E’ come prendere centinaia di persone, raccoglierle in uno spazio microscopico come lo schermo di uno smartphone e farle scrivere qualunque cosa guardando però un unico tema: Italia-Svezia. Quasi 116.000 tweets lanciati in 90 minuti: circa 1288 tweets al minuto, quindi oltre 20 tweets al secondo, pubblicati da circa 413.584 utenti. Per ottenere questi numeri basta usare questo strumento online: Twitter Reach e digitare #italiasvezia. Naturalmente sono dati aggiornati di frequente, quindi sono dati destinati a crescere ulteriormente. Quali sono stati i profili più attivi? L’Huffington Post Italia, per esempio. Ma anche la Nazionale di Calcio.

IL VERO MESSAGGIO

Cosa si è detto? Un’altra verità è che si è parlato pochissimo di calcio: il tema preferito, dal lato italiano, sono stati i tifosi svedesi, i loro colori, e poi il paragone ovvio con l’IKEA, i nomi dei calciatori, e poi battute a non finire sulla noia della partita, le mancate-desiderate sostituzioni … uno spettacolo, insomma, una specie di cabaret social-mediatico.

Poi… all’improvviso, quando tutto sembrava spegnersi in un ammosciato pareggio a reti inviolate, ecco il fulmine di Eder che sblocca la partita e da un calcio negli stinchi alla noia – e i social esplodono in un’ovazione.

La verità è che oggi l’evento lo fanno i social: anche una partita scialba, per quanto attiri attenzione, può trasformarsi in un evento social-mediatico se riesce ad attirare un numero adeguato di persone che sfogano la loro fantasia in 14o caratteri. Come cambia la comunicazione!

italia-svezia-socialmedia

 

 

italia-svezia-social

 

Vuoi scoprire come usare i social media per far conoscere l’evento della tua impresa? Vuoi scoprire come amplificare la visibilità di un evento? Siamo qui per rispondere alle tue domande. Tu scrivile, noi ti contattiamo per risponderti direttamente.

 


SCRIVICI

Ho preso visione della Privacy Policy e presto il consenso al trattamento dei dati.



at elit. eget Aliquam quis commodo